Un Mediterraneo di pace e sviluppo è possibile

Proseguono le attività del progetto Nemo per la stabilità e lo sviluppo delle comunità costiere del Mediterraneo. Il 29 e 30 giugno 2017 il Ciheam Bari organizza a Tricase l’evento Un Mare Di Dialoghi e presenta due novità importanti.

La prima. L’Albania si unisce a Marocco, Algeria, Tunisia, Egitto e Libano nel grande programma di pace e amicizia, ideato, sostenuto e portato avanti dall’Italia con il progetto Nemo. A rappresentarla l’Agenzia Nazionale delle Aree Protette del Ministero dell’Ambiente albanese. In programmazione, interventi a sostegno dello sviluppo sostenibile della comunità di Porto Palermo nel Sud dell’Albania.

La seconda. Nasce Webport. Il primo porto digitale del Mediterraneo. Uno spazio interattivo per il dialogo e lo sviluppo condiviso delle comunità costiere. Il portale online webport.cloud permetterà alle comunità di confrontarsi sulle buone pratiche di sviluppo nei settori di pesca, agricoltura, ambiente e turismo. Blog dalle singole comunità racconteranno le tappe quotidiane del percorso intrapreso e condiviso con le altre realtà locali.

Con il progetto Nemo, la Cooperazione Italiana si conferma avanguardia nella costruzione di un nuovo Mediterraneo e risponde con proposte concrete alle tante emergenze sulle quali i media accendono quotidianamente i riflettori. Emigrazione, povertà, esseri umani in fuga da guerre e violenza. Gli interventi di natura emergenziale non possono da soli essere la soluzione. L’Italia è capace di programmare nuove certezze, di accrescere la partecipazione propositiva dei paesi e di lavorare sui territori più fragili attraverso un dialogo fruttuoso, condiviso e orientato ai risultati. Più crescono le comunità costiere del Mediterraneo, più l’Italia e l’Europa potranno costruire un futuro comune di pace e sviluppo.

Written By
More from Enrico Azzone

Tracciare una nuova rotta

Si è aperto oggi un nuovo e fondamentale capitolo della Cooperazione Italia...
Leggi di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *